La Corte Costituzionale nella sentenza n. 152 del 23 giugno 2020 ha esplicitamente affermato l’illegalità costituzionale dell’articolo 38, comma 4, della legge 28 dicembre 2001, n. 448, specie nel nesso collegato agli invalidi civili totali. Nel merito della questione la Corte ha disposto la maggiorazione sugli assegni di invalidità.

Attraverso la circolare INPS n. 107 del 23/09/2020 è previsto un aumento fino a 651,51€ ai titolari delle pensioni di inabilità (invalidi civili al 100%, ciechi civili assoluti e sordi) e delle pensioni di inalibilità ex legge 222/1984. Tale incremento è previsto da luglio 2020 per la fascia di età dai 18 ai 60 anni e prevede alcuni limiti reddittuali che determinano il valore dell’aumento.

Per maggiori informazioni su chi ne ha diritto, quali sono i redditi conteggiati, come ottenere il beneficio e molto altro, vi invitiamo a leggere l’articolo di Handylex.org, il noto portale che fornisce informazioni molto precise in materia di normativa sulla disabilità, al seguente link.